bova-superiore-fantasma

Escursione a Bova Superiore, tra cultura e sapori locali

Ai piedi di un picco roccioso tra verdi giardini, palme e bergamotti sorge il grazioso borgo di Bova Superiore, dominato dalle rovine di un antico castello normanno. Uno dei principali centri grecanici con iniziative volte a promuovere e mantenere in vita le tradizioni culturali. Tra gli eventi più famosi, segnaliamo il Festival Grecanico che si tiene ogni anno nel periodo tra giugno e luglio, quando l’affluenza dei turisti è maggiore rispetto al resto dell’anno.





Il grazioso borgo di Bova Superiore ha origini antiche. La leggenda narra che il piccolo comune sia stato costruito per volontà di una regina armena che avrebbe condotto il suo popolo sul Monte Vùa dove, da come si evince dal nome stesso, si portavano i buoi al pascolo. Diversi i monumenti da vedere e ammirare nell’incantevole borgo di Bova Superiore.

balconata bova superiore

Vi condurremo in una passeggiata tra i vicoli storici di questo grazioso borgo. Da non perdere lo spettacolo panoramico dalla famosa balconata di Bova, dalla quale è possibile ammirare e perdersi su tutto l’arco costiero sottostante. Altrettanto importante una visita presso l’antica Cattedrale di origine seicentesca ed edificata sulle spoglie di un’antica Chiesa Bizantina.





Tra le opere più importanti custodite all’interno della struttura a tre navate di tipo basilicale, troviamo la statua in marmo del 1584 della Madonna col Bambino, la Cappella del Sacramento. Diversi scavi archeologici hanno permesso di riportare alla luce diverse opere dell’antica chiesa normanna e monumenti lapidari.

Da visitare a Bova Superiore la Chiesa di San Leo, con una pianta a una sola navata e cappelle, un altare maggiore di epoca barocca con la statua di San Leo in marmo bianco, posta all’interno di una nicchia. Particolare la statua, attribuita al Bernini, in cui il santo regge un’accetta rotta nella mano destra.

La passeggiata nel quartiere storico di Bova prosegue verso la Chiesa del Carmine, in stile tardorinascimentale, con un portale in pietra costruito da artigiani locali. Lo stemma della famiglia Mesiani presente sulla facciata testimonia l’appartenenza della Chiesa.

castello normanno bova superiore

In cima a uno sperone roccioso è possibile ammirare le rovine del Catello Normanno, con la Torre realizzata come punto di guardia su una delle quattro porte che si intervallavano lungo le mura della città.

Seppur siano state quasi distrutte dai forti terremoti che colpirono diverse zone del Reggino nel 1783, 1908 e 1928 la Chiesa dello Spirito Santo di epoca tardorinascimentale e la Chiesa di San Rocco, sono altri monumenti che rappresentano lo splendore antico di questo borgo. È proprio nella Chiesa di San Rocco che è possibile assistere alle funzioni religiose secondo il rito greco-bizantino.

Pietre e mattoni con decorazioni di lesene, cornici e portali maestosi caratterizzano le abitazioni e i palazzi antichi che si dispongono nel centro storico.

È probabile che una passeggiata tra i monumenti più belli di Bova porti anche un po’ di fame. Se ne avete la possibilità, fermatevi ad assaporare il meglio della cucina locale. Le pietanze tipiche vengono preparate con gli ingredienti della tradizione agro pastorale del luogo, ovvero il latte di capra, l’olio d’oliva e il pomodoro, ingredienti immancabili nelle pietanza da mangiare in Calabria.

Tra i piatti tipici di Bova assaggiate i maccheroni al sugo di capra, o se preferite maccaruni, i tagghiarini con i ceci, i ricchi di previti con pomodorini, oppure la capra alla vutana. Altrettanto saporiti i salumi, come i taglieri di sopressata, capicollo e salame, formaggi caprini, pecorini o ovini. Da assaggiare, per gli amanti dei formaggi artigianali, il musulupi, un formaggio tipico del periodo pasquale. Tra le prelibatezze più famose, infine, assaggiate le famose lestopitte, delle frittelle di farina e acqua, da mangiare insieme a un buon vino rosso locale.

Curiosità Bova Superiore: La Locomotiva a vapore

locomotiva a vapore di bova

Non andate via senza aver scattato la foto ricordo davanti alla simbolica Locomotiva a vapore di Bova, posta nel bel mezzo della piazza di entrata del borgo. La locomotiva di Bova rappresenta le ferrovie e omaggia l’attività principale a cui si dedicavano i bovesi, quasi tutti ferrovieri. Se anche voi vi chiederete come abbia fatto questa locomotiva ad arrivare nel punto in cui si trova, sappiate che per il trasporto è stato necessario allargare la carreggiata della strada che conduce fino al paese.








Non ci sono commenti

Aggiungi i tuoi