Duomo di Crotone, arte e cultura bizantina in Calabria

Il duomo di Crotone, dedicato a Santa Maria Assunta e san Dionigi l’Aeropagita è uno dei monumenti che raccontano la storia del luogo. Sebbene sia stato soggetto a diversi lavori di restaurazione nel corso del tempo, mantiene ancora oggi la struttura originale del IX secolo. Nella ricostruzione integrale del Duomo di Crotone, risalente al XVI secolo, furono impiegati diversi materiali provenienti dal tempio di Hera Lacinia.

La facciata della cattedrale, affiancata da un campanile, appare con tre portali: quello centrale, il più grande e i due laterali, sormontati da tre rosoni. Al suo interno, il duomo di Crotone appare suddiviso in tre navate, in corrispondenza dei tre portali della facciata. La navata di destra termina con una cappella dell’ottocento, all’interno della quale è custodita l’icona bizantina raffigurante una Madonna nera, nota anche come Madonna di Capocolonna.

Dipinti di Boschetto e De Falco, con stucchi dorati e bronzi, ornano la cappella. All’interno della chiesa sono presenti altre opere d’arte di valore inestimabile, come il fonte battesimale in pietra del XIII secolo circa, ubicata nella cappella dell’Epifania, il coro di legno e due busti, sempre in legno che rappresentano le figure di San Gennaro e San Dionigi.

Indirizzo: Piazza Duomo – Quartiere Pescheria

Apertura:

 




Non ci sono commenti

Aggiungi i tuoi